martedì 6 agosto 2019

Alcantara, continua il suo persorcorso nell'arte

Lo scorso 19 Giugno è stata inaugurata al Mori Art Museum di Tokyo la più grande personale di Chiharu Shiota, che rimarrà aperta al pubblico fino al 27 Ottobre.

La mostra, il cui titolo “Shiota Chiharu: The Soul Trembles” rimanda alla volontà dell’artista di poter offrire esperienze di “anime tremanti” che derivano da emozioni senza nome, presenta due opere realizzate in Alcantara.


L’artista giapponese che vive a Berlino è famosa a livello internazionale per le sue performance e per le sue complesse e spettacolari installazioni composte da fili che, principalmente in tonalità nere e rosse, attraversano lo spazio, dando libera espressione all’intangibile: ricordi, ansia, sogni, silenzio e altro.

In occasione della personale di Tokyo, due di queste opere sono presentate in una inedita versione in Alcantara. L’opera In Silence, dove un’immensa tela di ragno nera avvolge un pianoforte bruciato circondato da sedute del pubblico, nasce da un ricordo d’infanzia dell’artista, quando nel cuore della notte Chiharu Shiota vide bruciare la casa del vicino. Simbolo del silenzio, il pianoforte senza suono diffonde una emozionante musica visiva.

Molto diverso dal materiale usato in precedenza per quest’opera, Alcantara, grazie ai suoi innati valori e funzionalità come la tattilità, l’opacità e la flessibilità, regala una interpretazione inaspettata e ancora più visionaria di una delle installazioni più iconiche dell’artista.

La prima collaborazione con Chiharu Shiota risale al 2018 quando, in occasione della mostra collettiva “Nine journeys through time” (Nove viaggi nel tempo) ospitata a Palazzo Reale di Milano, l’artista giapponese ideò l’installazione Reflection of Space and Time (Riflessione di Spazio e Tempo) dove una fitta ragnatela monocromatica nera attraversava e avvolgeva una struttura all’interno della quale si stagliavano due iconici costumi bianchi.

L’opera, riproposta quest’anno a Tokyo è costituta da fili e costumi entrambi realizzati in Alcantara. Come la pelle che copre il corpo, gli abiti simboleggiano il confine tra l’aspetto esteriore e l’interiorità della persona. Sospenderli in uno spazio attraversato da fili neri che li avvolgono come ragnatele, restituisce una impressione di presenza nell’assenza.

Per la collettiva “Nine journeys through time” presentata da Alcantara in occasione della Milano Design Week, che vedrà una nuova edizione allo Yuz Museum di Shanghai nel mese di luglio, Chiharu Shiota e altri nove artisti internazionali hanno lavorato con Alcantara come unico medium, per creare opere site-specific ambientate nell’Appartamento del Principe di Palazzo Reale.

La collaborazione con Chiharu Shiota conferma la speciale relazione che già dal 2011 lega Alcantara alle migliori espressioni della creatività internazionale contemporanea, attraverso l’avviamento di una serie di progetti speciali che definiscono una modalità di intervento nuova e unica, il cui punto di forza è nella costruzione di reale dialogo con gli artisti e con importanti curatori, musei e istituzioni culturali in tutto il mondo, in perfetta sintonia con i valori e l’identità di Alcantara. Da questo dialogo tra mondi apparentemente diversi e lontani - quello delle discipline artistiche e quello dell’azienda - si origina sempre un rapporto di scambio reciproco, da cui prende vita e si sviluppa un vero e proprio patrimonio di conoscenza in continuo divenire, che ha in sé la cifra identitaria Alcantara.

Per maggiori informazioni: www.alcantara.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...